Chi è Andy Jassy, il manager di Amazon che prenderà il posto di Jeff Bezos

7154
ANSY JASSY

Il 2 febbraio il fondatore di Amazon Jeff Bezos ha annunciato, a sorpresa, che lascerà la carica di Ceo nel 2021. Al suo posto subentrerà Andy Jassy, oggi alla guida di Amazon Web Services, la piattaforma di cloud computing del colosso dell’e-commerce. «Ha la mia piena fiducia, sarà un leader eccezionale» ha detto Bezos.

Fino a pochi giorni fa in pochi, fuori dall’ambiente delle big tech, conoscevano il suo nome. Eppure, per i media d’oltreoceano, Andy Jassy è uno dei manager più potenti e ben pagati d’America (il suo compenso nel 2020 ammonta a 175mila dollari, senza contare i premi e le azioni). Ed è anche uno dei più desiderati. Secondo i rumors, in passato ha ricevuto proposte da Microsoft, per prendere il posto dell’ex Ceo Steve Ballmer, e da Uber, dopo le dimissioni di Travis Kalanick.

«Ha un’enorme fiducia nella sua squadra, ma devi essere ai massimi livelli di impegno e preparazione a ogni riunione con lui» ha detto di recente un dipendente di Amazon a Business Insider. «È uno squalo che sentirà l’odore di una goccia di sangue da 100 miglia di distanza se non sarai pronto».

53 anni, cresciuto a Scarsdale (New York), dopo la laurea con il massimo dei voti a Harvard, Jassy inizia a lavorare per un’azienda di oggetti da collezione. Si mette in proprio con un collega, ma l’avventura imprenditoriale dura poco. Dopo un Mba (ancora a Harvard) nel 1997 entra in Amazon, fondata da Bezos appena tre anni prima. Si occupa di marketing, ma presto diventa l’assistente fidato di Bezos.

Dal 2003 inizia a dedicarsi al cloud computing, sviluppa Aws, che oggi rappresenta una fetta consistente dei profitti di Amazon. Solo nell’ultimo trimestre, i servizi cloud hanno registrato un fatturato netto di 12,7 miliardi di dollari e un utile di 3,6 miliardi (tanto, considerando che i profitti totali ammontano a 7,2 miliardi). Aws è l’attività più redditizia dell’azienda di Seattle.

Jassy e Bezos lanciano la piattaforma nel 2006. Il manager guida un team di oltre 50 persone. Prima ricopre il ruolo di Senior VP, poi, nel 2016, diventa il Ceo di Aws. Per molti il fatto che la scelta del successore di Bezos sia ricaduta su di lui indica la volontà dell’azienda di puntare ancora sul cloud nel prossimo futuro.

“Da Jeff ho imparato che l’innovazione è complicata” ha raccontato Jassy in un podcast della Harvard Business School. “La gente pensa che si possa programmare. Facciamo un brainstorming in 60 minuti su una nuova idea ed è fatta, ma il processo non è così lineare. È disordinato, ci vogliono molte deviazioni, a volte finisci in vicoli ciechi. E le persone devono confrontarsi, discutere appassionatamente. Quando inventi, devi lasciare che la conversazione ti porti dove vuole”.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.