Disegna il computer sulla lavagna per insegnare informatica. La foto diventa virale

0
4208
Foto da Facebook Owura Kwadwo Hottish (Richard Appiah Akoto)

La scuola non ha computer, ma gli studenti devono sostenere l’esame di informatica. Così il professore del Ghana si inventa un nuovo metodo. Le sue foto su Facebook conquistano il web. E Microsoft lo premia.

Richard Appiah Akoto è un giovane professore del Ghana, insegna informatica in una scuola di Sekyedumase, un paese a circa 100 chilometri da Kumasi. Ma gli strumenti che ha a disposizione non sono sufficienti. Mancano i comuputer. Così, per far capire ai suoi studenti di cosa stesse parlando mentre spiegava il programma Microsoft Word, ha riprodotto una schermata di Windows alla lavagna. Ha disegnato ogni comando utilizzando i gessi colorati. Le foto della sua lezione, postate su Facebook, hanno subito fatto il giro del web. Prima condivise da un noto comico ghanese, poi da migliaia di utenti di tutto il mondo.

«Insegnare informatica nella scuola del Ghana è molto divertente. L’informatica alla lavagna» ha scritto Richard, 33 anni, nel suo post. «Amo i miei studenti, quindi devo fare qualcosa che faccia capire loro che cosa sto insegnando».

La scuola di Sekyedumase non ha i computer, ne servirebbero 50, ma dal 2011 tutti gli studenti del Paese sono obbligati a superare un esame nazionale in ICT per poter essere ammessi alle superiori. A Quartz Africa il prof ha raccontato che ha sempre usato la lavagna per insegnare informatica ai ragazzi.

La risposta di Microsoft

La foto è arrivata anche alla Microsoft, grazie al retweet dell’imprenditrice camerunense Rebecca Enonchong: «Hey Microsoft, sicuramente puoi procurargli delle risorse adeguate». Dalla sede africana della società prima è arrivata (via Twitter) la promessa di un computer con accesso ai programmi. Ma alla fine la donazione è andata oltre le aspettative. Akoto è stato invitato al Global Education Exchange, una conferenza per educatori organizzata da Microsoft a Singapore. E la compagnia, insieme a un partner locale, ha donato alla scuola, 27 laptop, un proiettore, una stampante, uniformi, mobili, un anno di connessione gratuita e altre risorse utili per un vero laboratorio di informatica.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.