Facebook apre il suo primo negozio fisico (dedicato al metaverso)

1920
meta metaverso facebook
© Meta Newsroom

«Non venderemo il metaverso nel nostro negozio, ma le persone sapranno di più su come i nostri prodotti le aiuteranno a connettersi al metaverso». Così Meta, il colosso social di Mark Zuckerberg, annuncia l’apertura del Meta Store. È il primo negozio fisico dell’azienda, pensato per proiettare i clienti in un nuovo mondo virtuale. Aprirà il 9 maggio a Burlingame, in California, vicino ai Reality Labs, dove Facebook sta sviluppando il suo metaverso.

Nello store, 140 mq, i clienti potranno sperimentare, e acquistare, tutti i prodotti hardware dell’azienda: gli altoparlanti intelligenti Portal, i visori Meta Quest 2 (indispensabili per accedere al metaverso di Facebook) e i Ray-Ban Stories, gli occhiali smart prodotti in collaborazione con Essilor-Luxottica.

«Avere il negozio qui a Burlingame ci dà l’opportunità di sperimentare e mantenere l’esperienza del cliente al centro del nostro sviluppo» ha spiegato Martin Gilliard, responsabile del Meta Store. «Quello che impareremo qui ci aiuterà a definire la nostra futura strategia di vendita al dettaglio».

L’obiettivo quindi è mostrare cosa è possibile fare oggi con i prodotti di Meta, tenendo al tempo stesso lo sguardo al futuro.

«Si può pensare al metaverso come a un Internet immersivo e incarnato, dove invece di visualizzare semplicemente il contenuto, ci sei proprio dentro». Così lo ha definito Zuckerberg lo scorso ottobre.

«Probabilmente sarà una specie di ibrido tra le attuali piattaforme social e la realtà virtuale. Un luogo dove giocare, comprare beni virtuali, collezionare arte virtuale, trascorrere il tempo libero con gli avatar e partecipare a riunioni di lavoro, sempre virtuali».

Per costruire questo nuovo mondo Zuck ha già investito 10 miliardi di dollari. Ha messo al lavoro 10mila ingegneri. E ha annunciato di volerne assumere altrettanti in Europa.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteDa Renzo Rosso a Bebe Vio, ecco gli ambassador scelti per promuovere l’Italia nel mondo
Prossimo articolo«Con sensori e algoritmi rendiamo gli edifici sostenibili»

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.