Everli, la piattaforma della spesa online, chiude un round da 100 milioni di dollari

5178
everli spesa online sargenti

Un portale che permette di fare la spesa online nei principali supermercati, creato nel 2014 a Verona, e cresciuto di anno in anno, fino al boom della scorsa primavera. «Ordini più che raddoppiati e traffico con picchi 10 volte più alti dello standard» ci aveva raccontato Federico Sargenti, Ceo di Everli. Molti la conosceranno come Supermercato24, ma da qualche mese l’azienda ha cambiato nome. Oggi Everli ha annunciato un super round Serie C da 100 milioni di dollari. La bella notizia per tutti è che i nuovi fondi saranno destinati in parte ad ampliare il team italiano: saranno assunte fino a 100 persone entro il prossimo anno.

All’operazione, guidata da Verlinvest, hanno partecipato nuovi investitori internazionali (come Luxor, DN Capital, C4 Ventures, Convivialité Ventures) e soci esistenti (FITEC, CDP Venture Capital, 360 Capital, Innogest e DIP). L’obiettivo è accelerare l’espansione del marketplace in tutta Europa, rafforzando il team nelle aree tecnologia, prodotto, logistica, marketing, finanza.

«L’obiettivo di Everli è da sempre quello di semplificare l’esperienza della spesa» commenta Sargenti. Sulla piattaforma i consumatori possono scegliere il supermercato in cui acquistare, ordinare i prodotti e riceverli in giornata, grazie al servizio di oltre 3000 shopper.

«L’ultimo anno è stato complesso, sia per i consumatori che per l’industria. Siamo fieri di aver giocato un ruolo importante nel supportare le persone durante questo periodo. Ma siamo solo all’inizio. Questo settore non sarà più lo stesso: il cambiamento verso l’online delivery non è reversibile».

Nel 2020, in Italia, Everli ha quasi triplicato il numero di nuovi utenti e ha registrato un aumento degli ordini di circa il 200%. A livello globale le vendite sono quadruplicate e l’azienda ha raggiunto un fatturato di 110 milioni di euro. Oggi il servizio è attivo in 70 città di 4 Paesi, Italia, Polonia, Francia e Repubblica Ceca. L’azienda impiega più di 200 persone e conta 100 partnership con i retailer. Nel 2020 è stata inserita da LinkedIn tra le 10 migliori startup italiane, che hanno continuato a crescere e ad assumere, nonostante la pandemia.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.