Il testamento-manifesto di Bernardo Caprotti

10374

Imprenditore forte e visionario, Bernardo Caprotti ha espresso le sue ultime volontà in un lungo testamento-manifesto.

Il documento lasciato dal signor Esselunga non contiene solo disposizioni in materia di eredità. Ma esprime la lucida visione degli affari, dell’impresa, della famiglia e della società di un imprenditore di successo. L’uomo che ha portato la grande distribuzione in Italia nel 1957.

Gli inizi

Caprotti ricorda gli inizi nell’industria tessile del padre e le prime difficoltà: «Ho lavorato duramente. Ho sofferto l’improvvisa tragica scomparsa di mio padre (avevo 26 anni ed avevo lavorato con lui solo 6 mesi). Poi, più tardi, il dissidio coi miei due fratelli la cui liquidazione (richiesta) mi è costata quasi vent’anni di ristrettezze; nell’immane fatica, più tardi, la crisi drammatica e la fine della Caprotti».

Famiglia e impresa

Il patron di Esselunga fa riferimento più volte ai dissidi avuti con i familiari e alle disposizioni date per tutelare l’azienda da eventuali scontri futuri. «Dopo tante incomprensioni e tante, troppe amarezze ho preso una decisione di fondo per il bene di tutti, in primis le decine di migliaia di persone i cui destini dipendono da noi, ma anche per una relativa pace familiare. Famiglia non ci sarà. Ma almeno non ci saranno le lotte. O saranno inutili, le aziende non saranno dilaniate. Così stando le cose auspico, auspico veramente che non ci siano ulteriori contrasti e pretese. Che ognuno possa starsene in pace nei propri ambiti».

Il futuro di Esselunga

Il capitolo finale del testamento è dedicato al futuro di Esselunga. «È diventata “attrattiva”. Con Tornatore lo è divenuta di più. Però è a rischio. È troppo pesante condurla, pesantissimo “possederla”, questo Paese cattolico non tollera il successo. Occorre trovarle, quando i pessimi tempi italiani fossero migliorati, una collocazione internazionale. Ahold sarebbe ideale. Mercadona no. Attenzione: privata, italiana, soggetta ad attacchi, può diventare Coop. Questo non deve succedere».

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteApple Academy, Riccardo Sabbatini è il primo in graduatoria
Prossimo articoloConsegna il curriculum in una scatola di dolci. Le aziende lo chiamano per il colloquio

1 COMMENTO

  1. Quindi meglio in mano agli stranieri che alla Coop??? Un’altra eccellenza italiana che se ne va…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.