La sfida di Gabriele: «Il Web mi ha ridato l’udito»

4
1402

La prigione per lui era un’angusta gabbia per cani in cui i genitori lo rinchiudevano, perché troppo vivace, quando uscivano di casa. Era il 1985 e aveva solo cinque anni.

La libertà si chiamava Internet ed è lì che Gabriele Serpi, non udente della nascita, ha iniziato a muovere i primi passi del mondo.

Oggi è sviluppatore Web e consulente informatico, tiene corsi ai sordi per aiutarli a essere più produttivi in azienda, e scrive su un blog, diventato un punto di riferimento per la comunità di non udenti italiana. Ha una compagna da 10 anni e una figlia, entrambe sorde: «La mia è una casa silenziosa, ma sorridente» ci racconta nell’intervista.

Come è nata la tua passione per il Web?

Ho iniziato a usare il pc nel 1987, all’età di sette anni. Da lì è nato il mio amore verso i computer, che mi ha aiutato molto per le mie difficoltà di comunicazione. Nel 1999, ho iniziato a esplorare Internet, ho creato il mio sito per stimolare i non udenti ad avvicinarsi all’informatica».

Cos’è Internet per te?

La Rete ha abbattuto le barriere di comunicazione tra udenti e non udenti. Devo molto al Web, mi ha permesso di imparare da autodidatta e di crescere professionalmente».

Dove hai trovato la forza per farti strada nella vita?

Mi dico sempre: “la Terra continua a girare e voglio arrivare alla fine del viaggio senza rimpianti”. Cerco di seguire tre virtù: pazienza, fiducia e volontà. Se manca una di queste qualità non si va da nessuna parte».

Quanta diffidenza hai incontrato nel mondo del lavoro?

Sono stato spesso sottovalutato. Ma poi la gente cambiava opinione non appena mi vedeva all’opera con un computer. La persona sorda è uguale agli altri. Basta mostrare le proprie capacità per zittire ogni pregiudizio».

INFO: http://www.gsflash.it/wgsflash/

Giancarlo Donadio

Print Friendly, PDF & Email

4 Commenti

  1. Mi chiamo Orlando Ferroni,
    e posso confermare tutto c’ho che finora si è scritto su questo ragazzo… ho avuto il Piacere (dico con l P Maiusola) di essere un suo compagno di classe… e posso certificare dietro alla Diffidenza che il 90% degli alunni dell’istituto c’era una Passione Inteligenza superiore a tutti noi, su tutto quello che si faceva… sia in classe che nello sport…..

    Mi posso ritenere fortunato (anche se ne suoi confronti lo sono sempre stato, perchè non sono Sordomuto..) di aver condiviso una parte della mia vita con lui….

    che mi ha imparato a vedere e diciamolo pure a SENTIRE la vita sotto tanti punti di vista….

    Grande Gabriele….. continua così…..

    Orlando Ferroni

    • Caro Orlando, ti ringrazio molto del tuo commento – testimonianza dandomi il tuffo nel passato ed anche è sempre stato il piacere di avere il compagno di classe come te.
      il grande abbraccio da Gabriele.

  2. Grande Gabriele, ti faccio i migliori complimenti e i piu grandi auguri per il futuro roseo che ti aspetta.
    Un abbraccio Giorgio.
    P.S.
    Ti ricordi quando gicavamo in piscina?!?;-)))

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here