Callipo premia tutti i dipendenti con un bonus da 900 euro

0
4327
dipendenti callipo
I dipendenti Callipo in una foto scattata prima dell'attuale emergenza sanitaria

Per il quinto anno consecutivo Callipo premia i dipendenti per i risultati raggiunti. L’azienda calabrese, famosa per la produzione di tonno e conserve ittiche, ha chiuso il 2019 con un fatturato di oltre 63 milioni di euro, in aumento del 10% rispetto al 2018. Quest’anno il bonus di produttività, riconosciuto a tutti lavoratori del gruppo, ammonta a 900 euro.

Le misure per l’emergenza Coronavirus

Negli stabilimenti Callipo il lavoro va avanti, nonostante le difficoltà da Coronavirus. Le misure adottate per l’emergenza sono tante: smart working per i dipendenti che possono lavorare da casa, turni ridotti negli impianti – dove si accede dopo il controllo della temperatura – mascherine in dotazione e una polizza assicurativa per tutti in caso di positività al Covid-19. Una decisione presa anche da altri imprenditori dell’alimentare, come Giovanni Rana.

Il pacchetto integrativo per i 400 dipendenti del gruppo (in aggiunta all’assistenza sanitaria del Fondo Fasa per le società alimentari) prevede indennità da ricovero e da convalescenza e diversi servizi post ricovero. Dalle visite mediche a domicilio a baby sitter e colf.

I lavoratori: il vero motore dell’azienda

giacinto callipo
Giacinto Callipo

«Vogliamo ringraziare le maestranze, il nostro “motore” e i veri artefici della nostra qualità. In questo momento, stanno dimostrando grande spirito di sacrificio e un forte senso di responsabilità, nel rivestire con orgoglio l’importante funzione sociale a cui oggi siamo chiamati: assicurare gli approvvigionamenti alimentari alle famiglie in Italia e all’estero» commenta Giacinto Callipo, che oggi affianca il padre nella guida del gruppo.

 

callipo pippo
Filippo Callipo in azienda con i dipendenti

Vi abbiamo raccontato qui la storia di Filippo Callipo, detto Pippo, 73 anni, imprenditore lungimirante e legato alla sua terra, che più di trent’anni fa ha preso in mano le redini dell’impresa fondata dal bisnonno nel 1913. Oggi il gruppo comprende sette aziende. Il punto di forza è la lavorazione del tonno, effettuata interamente in Italia, nello stabilimento di Maierato (VV). Ma i dipendenti sono considerati «la risorsa più preziosa, coloro che contribuiscono al successo aziendale e a trasmetterne all’esterno i valori».

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.