“Ciao, ho un cancro in testa”

3494

Paura è una delle tre parole chiave per capire la storia di Salvatore Iaconesi, e la utilizzeremo molto da qui alla fine.  La paura che ti fa rinchiudere in te stesso. Lo stesso sentimento che rischia di bloccarti e escluderti dal mondo.

Hello! I’ve a brain cancer (Ciao, ho un cancro al cervello).

Inizia così con queste parole, il  video messaggio dell’artista e blogger, Salvatore Iaconesi.

Senza fronzoli, senza premessa, Salvatore ci porta nel suo mondo. Nel suo dramma, chiamando le cose con il loro nome.

Non parla di male incurabile. Né tantomeno di brutta malattia.

Non usa cioè i tanti sinonimi che gli uomini si sono inventati per allontanare dal linguaggio le loro paure.

 A beautiful mind (Una mentre brillante)

Salvatore è tante cose. Esperto di tecnologia, artista. Docente alla Sapienza alla facoltà di Architettura.  Nel suo cv vanta collaborazioni con aziende di primissimo piano in tante parti del mondo.

Una mente brillante, non c’è che dire.  E un raro comunicatore

Nel video racconta la sua scelta all’indomani della scoperta del cancro.

 

Ieri sono andato a ritirare la mia cartella clinica digitale: devo farla vedere a molti dottori. Purtroppo era in formato chiuso, quindi, non potevo aprirla né con il mio computer, né potevo mandarla in quel formato a tutti coloro che avrebbero potuto salvarmi la vita. L’ho craccata. L’ho aperta e ho trasformato i suoi contenuti in formati aperti, in modo da poterli condividere con tutti”.

 Il coraggio di condividere

Cosa diciamo ad un amico che ha un problema? “Apriti, Parlane. Vedrai che ti sentirai meglio.”

Ognuno di noi sa come è difficile farlo. Specialmente quando si vivono dei drammi destinati a lasciare traccia in noi per molto tempo.

Ci vuole coraggio.

E coraggio è la seconda parola chiave per capire la storia di Salvatore.

Ce ne vuole molto per mettersi davanti ad una telecamera e esporre davanti a tutti le nostre fragilità.

Nudi davanti al mondo.

Salvatore lo ha fatto condividendo con tutti le sue cartelli cliniche. Puoi cliccare qui  per visionarle.

Lo ha fatto perché ha speranza.

E perché, malgrado tutto, ha fiducia. Fiducia che qualcuno da qualsiasi parte del mondo possa salvarlo. Fiducia negli altri.

E fiducia è la terza e ultima parola chiave per capire la sua storia.

 “La mia cura siete voi”

Solo oggi sono già riuscito a condividere i dati sul mio stato di salute (sul mio tumore al cervello) con 3 dottori. 2 mi hanno già risposto. Progressivamente, renderò disponibili tutte le risposte che riceverò, sempre in formati aperti, così che chiunque abbia il mio male possa beneficiare delle soluzioni che ho trovato”

Cura è una parola che vuol dire tante cose. Alcune ce le ricorda Salvatore nel suo intervento. Cura può riguardare il corpo, l’anima. Si può curare una persona con medicine. La si può curare con un’operazione chirurgica.

Ma si può anche può curare rendendola partecipe della tua vita.

Non lasciandola sola.

Prendete le informazioni sul mio male, se ne avete voglia, e datemi una CURA: fateci un video, un’opera d’arte, una mappa, un testo, una poesia, un gioco, oppure provate a capire come risolvere il mio problema di salute. Create la vostra CURA usando i contenuti che trovate qui in questo sito, e inviatela ainfo@artisopensource.net”
.

In attesa che Salvatore trovi la sua cura, siamo guariti noi.

Questo il miracolo del suo video.

Guariti dal senso di vuoto che a volte ci pervade quando siamo soli, guariti dal sentimento di diffidenza che proviamo verso gli altri esseri umani. 

Guariti raccontando la nostra storia.

Perché il mondo può capirci e aiutarci.

In fondo.

Giancarlo Donadio

 

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

6 Commenti

  1. […] Giancarlo Donadio su Millionaire Web racconta la storia di Salvatore per parle chiave:   Paura A beautiful mind (Una mentre brillante) Il coraggio di condividere “La mia cura siete voi”   "In attesa che Salvatore trovi la sua cura, siamo guariti noi. Questo il miracolo del suo video. Guariti dal senso di vuoto che a volte ci pervade quando siamo soli, guariti dal sentimento di diffidenza che proviamo verso gli altri esseri umani. Guariti raccontando la nostra storia. Perché il mondo può capirci e aiutarci. In fondo."   Leggi tutto: http://millionaire.it/blog/ciao-ho-un-cancro-in-testa/    […]

  2. Fai bene a consultare medici ed esperti del campo medico-scientifico.
    Tuttavia, laddove la Scienza non può arrivare con le cure, c’è una Grande
    Speranza: Rita Cutolo
    – Strada Marrone n. 9 Tavullia (PU) – tel. 0721/476453, cell. 3475980875,
    sito web http://www.ritacutolo.it
    E’ una donna straordinaria, che cura e guarisce da oltre 40 anni con la semplice
    imposizione delle mani.
    Ne hanno parlato a più riprese i mass media e laTV.
    Ogni giorno dal Venerdì al Lunedì si presentano a Lei centinaia di malati di ogni
    età, non chiede soldi e raccomanda a tutti di non interrompere mai le cure mediche.
    La Sua missione è di curare tutti, credenti e non. Questo compito Le è stato affidato
    dal Padre Celeste. Vi sono numerose testimonianze al riguardo.
    Ogni altra informazione la puoi rilevare consultando il Suo sito web.
    Saluti e tanti auguri.
    Donato

  3. ho acceso su RAI1 solo quando Timperi ti stava salutando, sentendo parlare di salute ho preso nota dei tuoi dati ed eccomi qui… io non ho una cura per te, ringraziando Dio non ho mai avuto a che fare con il cancro….ma sono nata senza un osso all’anca dx e ciò ha dato una svolta un po’ diversa alla mia vita, vari interventi mi hanno fatto camminare a 6anni, poi lo sviluppo.. un intervento sbagliato a 14anni ha condizionato il mio futuro innescando un processo degenerativo, facendomi collezionare una serie di interventi….a 25 anni un luminare di Milano mi disse che a 30 sarei finita in carrozzina che per me non c’era cura, non mi sono arresa ho lottato, a 28anni sono stata la prima donna così giovane ad avere una protesi d’anca a 32 le ho fatte entrambe con una splendida equipe francese, poi altri interventi hanno completato l’opera, ma c’è stato un gran lavoro dopo ogni intervento e tanti soldi, ora a 48anni ho una vita serena cammino con le mie gambe splendide e la mia squadra di tecnici a cui rivolgermi al bisogno, ma ho rinunciato ad una famiglia perchè ho perso troppi anni alla ricerca di una soluzione….
    Di te dicono che sei coraggioso, secondo me hai scelto la strada giusta, io da donna solare e allegra quale sono ho sempre parlato della mia avventura ironicamente, fatto consulenza gratuita e aiutato tante persone con la mia tipologia a trovare una soluzione velocemente rispetto al tempo che ho perso io, volevo anche scrivere un libro ma le anestesie e le cure subite hanno un po’ rallentato il mio cervello, o meglio lo fanno lavorare in modo diverso più fantasioso e creativo, meno razionale ..ma io non mi arrendo e prima o poi lo scriverò eheheh
    Se me lo permetti parlerò di te con alcuni miei amici che a causa delle loro avventure nel mondo salute hanno una vasta conoscenza superiore alla mia. Mirella Santamato (scrittrice) e Marcello Camerlengo (tutto da scoprire). Mi piacerebbe conoscere te e la tua compagna, io vivo a Rimini, ma immagino che avrai una vita molto impegnata….comunque vada la tua vita avrai trasmesso splendidi messaggi…ti auguro ogni bene un abbraccio immenso Catia p.s. scusa per eventuali errori è colpa del mio cervellino stanco eheheh

  4. Ciao Salvatore, stavo per soprassedere, ma anche dirti questo potrebbe esserti utile, so’ che a Udine c’è un professore che utilizza un particolare metodo di radioterapia mirata, purtroppo non ricordo il nome preciso (cmq tipo cognome tedesco) so’ solo che ha buoni risultati, e purtroppo non l’ho saputo in tempo quando mi sarebbe stato utile. Se hai già avuto notizie di questo ok, diversamente fammelo sapere che provvederò subito ad informarmi. Con tutto il cuore ti auguro che tu ce l’ha faccia quanto prima e che tutto sia solo un brutto ricordo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.