fbpx

Crisi liquidità: le aziende si danno al baratto

Acquistare senza spendere soldi, rispolverando in ottica web l’antica usanza del baratto.

Questa l’idea innovativa di un imprenditore campano, Antonio Leone e di sua moglie Francesca Scarpetta, esperta di marketing e comunicazione.

La loro piattaforma, Cambiomerci.com, è un circuito di baratto che consente alle aziende che fanno parte di scambiare i loro beni senza  l’impiego di denaro.

Una risposta alla crisi di liquidità?

Siamo andati ad intervistare Antonio Leone per capire qualcosa in più sulla sua iniziativa.

 

Come nasce Cambiomerci.com?

L’idea parte nel 2001 dopo un primo cambio merci con il mensile “il Denaro” del valore di circa 200 milioni delle vecchie lire. Poi nel 2006 ho registrato l’idea, ispirato da un viaggio in Usa dove circa il 2% del Pil viene scambiato con il baratto. La piattaforma Cambiomerci.com è stata inaugurata lo scorso anno.

A quale esigenza del mercato avete risposto?

Cerchiamo di rispondere a due esigenze principali: la prima, quella più immediata, è la crisi di liquidità delle aziende. La seconda è il bisogno di liberare i magazzini dalla merce che spesso resta invenduta.

Quanto costa mettere su un’attività come Cambiomerci.com?

Oltre a Cambiomerce.com, nella mia vita ho aperto altre attività. Da queste esperienze ho acquisito la consapevolezza che l’investimento per ogni startup che si rispetti non può essere inferiore ai 200.000 euro, contemplando, soprattutto, costi come la pubblicità e la creazione di una rete vendita.

Mi fai un esempio di transazione?

Un hotel del nostro circuito, ad esempio, ha scambiato con un’altra azienda 7.000 euro di materassi, lenzuola ed altri accessori necessari alla vita dell’albergo. In cambio di ciò ha fornito un numero di camere dello stesso valore che sono state sfruttate da alcuni imprenditori durante uno dei loro viaggi di lavoro.

Qual è la difficoltà maggiore che hai incontrato nell’affermare la tua azienda, e come l’hai superata?

L’ostacolo maggiore è nella comunicazione. Bisogna far capire ai nostri clienti perché dovrebbero commerciare in modo alternativo quando solitamente prendono soldi per vendere i loro beni e servizi. Una sfida quotidiana che cerchiamo di risolvere migliorando costantemente le nostre strategie di comunicazione sia on line (sito web e pagine social) che offline, formando adeguatamente la nostra rete vendita.

Quali  consigli daresti a chi vuole intraprendere nel baratto oggi?

A chi vuole farlo consiglio di studiare bene il sistema e aggiornarsi quotidianamente su quali sono le esigenze del mercato. Ma soprattutto di tenere bene a mente che investire nel baratto non significa realizzare un’attività solo web. C’è bisogno di costruire una struttura commerciale solida, che non è una cosa da tutti
.

Questa è la testimonianza di Antonio Leone di Cambiomerci.com.

Ora a te la parola. Pensi che la soluzione del baratto tra aziende sia una risposta vera alla crisi di liquidità? Scrivi qui le tue opinioni.

 Giancarlo Donadio

Business Innovation Factory, seconda edizione

L’acceleratore di Leonardo è in cerca di soluzioni innovative nei settori Simulation and Gamification, Networking and Cybersecurity.   É in partenza la seconda call di

Wsense: la startup che monitora gli oceani

La startup italiana è stata definita “azienda più innovativa al mondo” dal World Economic Forum.   Wsense, startup italiana a guida femminile, è stata definita

Smau 2023 sbarca a San Francisco

Dopo il successo di Milano, il programma della nuova stagione con l’esordio a maggio in California.   Smau, la fiera italiana numero uno in tema

Torino: l’incubatore delle startup

Come fare parte di OGR Tech e accedere ai programmi di accelerazione accanto ai giganti dell’innovazione   Un edificio industriale dismesso, una fondazione che ha

Calo del 35% di investimenti nelle startup

Come era già stato previsto all’inizio del 2022 gli investimenti in startup hanno registrato una forte frenata a livello globale   Secondo i dati appena

Volare a emissione zero ora è possibile

È stato effettuato il primo volo a zero emissioni. Si tratta di ZeroAvia, leader dell’aviazione a emissioni zero, che ha preso il volo con il

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.