Da donna di pulizie a milionaria con i cupcake: la storia di Gigi Butler

5720

Ha iniziato a 15 anni a pulire appartamenti e guadagnare i soldi per mettersi in proprio. Maggiorenne, fonda la sua prima ditta di pulizie, ma non è questo il suo destino. Gigi Butler, americana, originaria della California, molla la sua azienda e investe tutti i suoi soldi per aprire un negozio di cupcake a Nashville nel Tennesee:

«Ho venduto la mia piccola ditta di pulizie e mi sono trasferita in un’altra città. Mio fratello mi aveva parlato di un negozio di cupcake che aveva sempre file di gente alle porte. Allora ho pensato di provarci: buona parte della mia famiglia era impiegata in pasticcerie, sentivo che era nel mio dna. Avevo paura di fallire, ma continuavo a dirmi che potevo farcela. Avrei aperto un negozio di cupcake» racconta a Business Insider.

1016620_711006068989994_6924629383915849066_n

Dopo aver fatto la sua scelta, va da sua nonna, proprietaria di una pasticceria, e impara l’abc del mestiere. Poi chiede un prestito in banca, ma nessuno è disposto a finanziarla: «Mi ridevano in faccia. Mi chiedevano se fossi seria e realmente intenzionata ad aprire un negozio di cupcake».

Allora capisce di non avere alternative: per realizzare il suo sogno deve autofinanziarsi con i risparmi di tutta una vita: 100mila dollari. Sceglie il luogo, un posto vicino a ospedali e università e chiama la famiglia pe farsi aiutare nella preparazione dei dolci:

Dopo aver investito tutto, sono rimasta con 33 dollari sul mio conto e avevo altre spese da pagare. Avevo perso quasi le speranze. Per pagare l’idraulico ho ricominciato a pulire appartamenti, ne pulivo tre al giorno per guadagnare i soldi utili a pagare tutte le enormi spese iniziali».

10177927_617584541665481_321597331647995000_n

Malgrado gli ostacoli tiene duro, le cose iniziano a girare e si formano code di clienti entusiasti per i suoi cupcake: «Vengono perché i prodotti sono di qualità, innanzitutto. Ma credo soprattutto perché imparano a conoscere me e la storia, che c’è dietro ogni dolce. Penso che quando non hai paura di fallire e dai tutto, alla fine verrai ripagata».

È lei lo è stata, oggi ha creato un franchising: ha 92 negozi in giro per l’America e punta ad arrivare a 250 entro il 2019:

«Non mi interessa pensare a quanto potremo diventare grandi in futuro. Continuerò a infornare dolci e a preparare cupcake ogni giorno. Perché è quello che amo fare».

INFO:  http://www.gigiscupcakesusa.com/

(Via Business Insider)

 Giancarlo Donadio

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente5 strategie per vincere sui social da Gian Luca Comandini di You&Web
Prossimo articoloVuoi lavorare nei videogame? Ecco una scuola che ti forma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.