Facebook chiede le foto di nudo agli utenti contro il “revenge porn”

5507
zuckerberg facebook
Foto Flickr Anthony Quintano - Facebook F8 2017 San Jose Mark Zuckerberg

Dopo l’Australia, il test per prevenire e bloccare la condivisione non autorizzata di immagini intime sarà esteso anche a Regno Unito, Canada e Stati Uniti.

Nell’era dei social, succede sempre più spesso che gli utenti vedano le proprie foto intime circolare su Facebook, Messenger o Instagram, senza il proprio consenso. Gli scatti privati sono pubblicati da ex fidanzati/e in cerca di vendetta. È il cosiddetto “revenge porn”. Arginare il fenomeno è una sfida per i social media. Lo scorso autunno Facebook ha avviato un progetto pilota in Australia per prevenire e bloccare la condivisione non autorizzata di immagini. Non si conoscono i risultati, ma di recente Antigone Davis, Global Head of Safety della società, ha comunicato in un post che la sperimentazione partirà anche nel Regno Unito, in Canada e negli Stati Uniti. Zuckerberg sembra non temere gli effetti del caso Cambridge Analityca.

Come funziona

In Australia il test è in collaborazione con l’agenzia per la sicurezza informatica nazionale e-Safety. Come riporta l’Australia Broadcasting Corporation (ABC), funziona così: l’utente carica le proprie foto su Messenger, etichettandole come “immagini non consensuali”, Facebook memorizza l’impronta digitale delle immagini in un database, senza salvare le foto. Per farlo, utilizza l’intelligenza artificiale e altre tecnologie di photo-matching, ha spiegato Julie Inman Grant, responsabile dell’ufficio e-Safety. In questo modo se qualcuno proverà a caricare la stessa immagine sui social, Facebook riuscirà a impedirlo.

Nonostante le rassicurazioni sul fatto che le foto saranno cancellate dai server di Facebook, restano i dubbi sui possibili rischi connessi alla condivisione delle proprie immagini.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedentePorto i toast della West Coast a Milano e Formentera
Prossimo articoloCambiano le norme sulla privacy. Ecco cosa c’è da sapere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.