#Facilecambiare se costruiamo una narrativa del cambiamento

2203

Alessandro Rimassa, autore di Generazione Mille Euro, conduttore di Generazione S su La3 e direttore del Centro Ricerche di IED, denuncia: la triplice “crisi, disoccupazione, spread” distrugge la speranza di chi, invece, è pronto a costruire un’Italia nuova.

I nostri giornali e telegiornali hanno una sola passione. La notizia negativa. Fa ascolti, fa vendere.E tutti contenti a titolare sulla crisi, sulla disoccupazione (se è giovanile tira di più), sullo spread.

Me li immagino, lì a fregarsi le mani per il boom di ascolti e le vendite in edicola che salgono e i clic sul web che impennano. Pensano di fare del bene, l’editore è contento. E invece contribuiscono al costante e sempre più rapido deterioramento del Paese.

Attenzione, non suggerisco di scrivere che i ristoranti sono pieni. Ma di ragionare su ciò che una notizia provoca in chi la fruisce: se mi dicono che in Italia non posso avere successo professionale, perché dovrei rimanerci?

È ovvio che preferisco andare all’estero o rimanere qui confinandomi nella Generazione nene, quella che né lavora né studia. Tanto me lo stanno dicendo i giornali, che in Italia non posso farcela.

Il punto è che la notizia non data, ma implicita nel parlare solo di crisi, disoccupazione e spread, è falsa: in Italia si può fare impresa. Sono due anni che su La3 scrivo e conduco Generazione S un programma in cui intervisto giovani che fanno impresa in Italia. In 64 puntate ho raccontato oltre cento storie di successo.

Ora quelle e altre storie fanno parte di #facilecambiare, un piccolo spettacolo, un monologo, che porto in giro per eventi in tutta Italia: racconto, come fosse un romanzo orale, storie di un’Italia che c’è, che guarda avanti, che percorre strade nuove, miscelando tradizione e innovazione, puntando sui valori della condivisone e della cocreazione, combattendo con burocrazia e tasse ma uscendo vittoriosa.

È l’Italia del domani che esiste già oggi, quella degli artigiani digitali e del social come tag, dei cofounders di piccole imprese e del rimboccarsi le maniche per sviluppare nuovi business senza dimenticare l’etica.

Il prossimo 10 dicembre porterò lo spettacolo #facilecambiare al Mandela Forum di Firenze, in occasione del Forum sui diritti umani che quest’anno è dedicato al lavoro, davanti a 10.000 teenagers: a loro dirò che esiste un’Italia migliore che nessuno racconta. Ai grandi giornali e telegiornali dico di incominciare a raccontarla, perché si vive di emulazione e di speranza, di futuro e di energia.

Abbiamo bisogno di mangiare pane e domani, la minestra condita con crisi e gerontocrazia non soltanto è diventata indigesta, ma rischia di affogare un Paese pieno di bravi chef.

Alessandro Rimassa

Twitter: @Rimassasonoio

Facebook: www.facebook.com/alessandrorimassa

LinkedIn: www.linkedin.com/in/alessandrorimassa

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteCreatorverse, un’app che dà vita alle tue immagini
Prossimo articoloAgricoltura: 150mila euro per pmi giovani e innovative

1 COMMENTO

  1. favoloso! ! Un’articolo, una visione, un modo di vedere le cose che condivido in pieno. .. Veramente comlpimenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.