Fitness + tecnologia = boom su YouTube!

2751

Immagina la scena. Tua madre ti sveglia una mattina e annuncia: “C’è YouTube al telefono”. È successo a Marco Bottone, personal trainer napoletano, di 31 anni, che aveva l’obiettivo di unire il fitness e la tecnologia:

L’idea di un portale di video su come eseguire gli esercizi fisici è nata nel 2002 durante un viaggio in Florida. In America mi sono imbattuto in un sito Internet dove alcuni video mostravano come eseguirli.

“Rubata” l’idea, Marco lascia il lavoro e la presenta a Sviluppo Italia, che bolla il progetto come irrealizzabile.

Ma il personal trainer non demorde: investe risparmi e tempo in attrezzature e nell’autoformazione, diventando bravo nella programmazione e nella grafica web. Inizialmente, è lui stesso a eseguire gli esercizi. Poi, ha l’intuizione di utilizzare sistemi di animazione 3D.

Nel 2008, grazie a un imprenditore bielorusso, Bottone fa partire il portale Passion4Profession, ma il sito non decolla:

Ho iniziato a caricare i video su YouTube, con la speranza di crearmi un altro canale di pubblicità.

Da lì la crescita è lenta, ma inesorabile: dai 300 dollari al mese alla telefonata dell’account manager italiano di YouTube, che gli propone una partnership.

Oggi sono quasi mezzo milione gli iscritti al suo Canale e le visualizzazioni hanno superato i 200 milioni.

Cosa consiglia, Marco Bottone a chi ha un progetto e vuole realizzarlo?

Se avete un’idea, fate un video e caricatelo in Rete. Studiate le tecniche per migliorarne la qualità. Avevo un sogno. Ho dedicato tempo e passione. E il mio sogno si è realizzato.

Info: www.passion4profession.net

Per conoscere tutta la storia di Marco Bottone, puoi leggere l’intervista di Tiziana Tripepi su Millionaire di maggio 2012.

Redazione

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteDa un errore, un successo: Mistake di Luca Rufini
Prossimo articoloGreen economy: opportunità di tirocini all’estero

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.