Jessica e le sue case sospese a 10 metri di altezza

5099

Una casa sospesa a 10 metri di altezza,  immersa nella natura. Costruzioni da fiaba che affascinano i bambini come gli adulti. Crearle è il sogno di Jessica Tanari, 34enne, nata a Bologna. Laurea in Scienze della comunicazione , un passato nella moda e come insegnante di spinning, ha ideato NewNest, un’azienda che progetta edifici che provano a rivoluzionare il business delle case sugli alberi: «La mia famiglia ha un’azienda specializzata nella carpenteria metallica. Sono cresciuta in mezzo al ferro. Un giorno mentre portavo in giro mia figlia ho visto una casa sugli alberi e ho pensato che avrei potuto creare qualcosa di originale per dare un’anima al “ferro” di famiglia» spiega a Millionaire.

jessica tanari

Jessica non vuole realizzare case sugli alberi, ma sculture in acciaio zincato che imitano la forma di un arbusto e trovano la loro naturale collocazione in un ambiente naturale: «Ho iniziato a fare ricerche sul Web, su tutti gli alloggi insoliti in Europa e mi sono resa conto che c’erano molte opportunità per fare business in Italia e in Europa. L’ospitalità in case sopraelevate e panoramiche ha un’occupazione media superiore del 72% rispetto ad una camera standard all’interno della stessa struttura turistica. Ho iniziato a coinvolgere mio padre, che ha creduto subito nel progetto. Poi mi sono guardata intorno per unire talenti che conoscevo da tempo: un designer e un commerciale».CUBO 1

Oggi hanno realizzato diversi prototipi. E sono alle ricerca di clienti in Italia come in Europa: «All’inizio pensavo che il pubblico per queste soluzioni fossero i privati. Poi studiando il settore mi sono resa conto che questi edifici hanno come compratori potenziali operatori turistici, alberghi, agriturismi che vogliono offrire esperienze di alloggio alternative ai propri clienti. Una costruzione ha un costo minimo di 60mila euro».

BOSCO 1

Un sogno, quello di Jessica, pieno di ostacoli: «A partire dalle lungaggini burocratiche italiane nell’ambito delle costruzioni. Non è facile ottenere permessi. Ma non ci arrendiamo. Quando parlo della mia idea di colonizzare l’Europa con le mie costruzioni, qualcuno mi prende per matta. Ma poi vede quello che stiamo realizzando e rimane a bocca aperta. Sono le reazioni delle persone che vedono il prodotto a darmi la carica di continuare».

BOSCO 4

Il business di Jessica è appena partito. Diverse aziende in Italia e all’estero (come un resort in Grecia) hanno manifestato il loro interesse: «Un sogno lo realizzi se credi in ciò che fai. Non è importante la tua idea di base, ma la capacità che hai di crederci. Durante il percorso hai tanti momenti di scoramento in cui pensi che non ce la farai ad arrivare in fondo. Poi ce la fai, ma è solo un punto di partenza. Chi fa un’azienda deve essere pronto a ripartire ogni giorno con nuove idee ed entusiasmo».

INFO: http://www.newnest.it/

Giancarlo Donadio

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente15mila euro in palio al premio per ricordare Marco Zamperini
Prossimo articoloGiovani e agricoltura: tra opportunità e storie di successo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.