Le lezioni del film The Post

0
1374

Arriva al cinema il 1° febbraio il nuovo film di Steven Spielberg The Post, interpretato da Meryl Streep, Tom Hanks e Matthew Rhys.

Al centro di The Post c’è la storia vera dei Pentagon papers, documenti riservati sulla guerra del Vietnam, che nel 1971 un gruppo di giornalisti ebbero il coraggio di pubblicare. Rischiando la loro carriera e la loro stessa libertà.

Negli anni Settanta in America le redazioni dei giornali erano formate esclusivamente da giornalisti maschi e bianchi. Le donne presenti facevano le segretarie. Allo stesso modo, a capo delle prime 500 aziende c’erano uomini. Con un’unica eccezione: il giornale The Post. A guidarlo Katharine Graham, vedova con quattro figli. A capo del giornale c’era il padre di Katharine, che alla sua morte non lo aveva lasciato alla figlia, ma al genero. E così lei se lo era ritrovato in mano quasi per caso. E non lo aveva voluto mollare. «Alcuni amano la competizione, io no. Ma una volta che hai iniziato un percorso, penso che bisogna andare fino in fondo. Non si deve cedere».

Il percorso inizia quando alla redazione del giornale di provincia The Post arrivano dei documenti top secret che rivelano le enormi responsabilità dei politici nella guerra del Vietnam, dove i giovani americani continuano a morire. Il New York Times, ora e allora il più grande quotidiano Usa, ne ha già pubblicato degli stralci e per questo è sotto processo. Che fare? Il dilemma di Katharine e del suo direttore Ben Bradlee (interpretato da Tom Hanks) è di quelli che fanno tremare i polsi: pubblicare (rischiando la galera) o tacere (nascondendo al Paese la verità)?

Il direttore vuole pubblicare. «Ben Bradlee è un uomo competitivo, determinato e con una grande passione. Lui non cerca una storia, ma la storia» ha dichiarato Tom Hanks alla conferenza stampa di presentazione del film a Milano.

La proprietaria tentenna. Chiede consiglio al suo staff, tutto composto da uomini. Alla fine la maggioranza è per il no, ma tocca a lei decidere.

Nel film Meryl Streep è brava nel mostrare il cambiamento del suo personaggio: da casalinga a donna senza paura. «Pubblichiamo!» è la sua decisione.

L’impatto sull’opinione pubblica è devastante. Così come la reazione dell’amministrazione Nixon e della giustizia. Il giornale e la redazione rischiano grosso ma, quasi a sorpresa, la maggior parte dei quotidiani del Paese riprende la notizia. Ed è questo, la compattezza e la solidarietà dei giornalisti, a spuntare le armi ai politici corrotti. E ad affermare il diritto alla libertà di stampa.

«La libertà di stampa è un diritto fondamentale. I giornalisti sono i guardiani della democrazia e oggi sono sotto attacco, come nel 1971» ha dichiarato il regista Steven Spielberg.

Altro tema caldo, forse quello che nel film è ancora più centrale, riguarda il ruolo delle donne. «Gli attacchi alle donne arrivano anche dai vertici. Girando il film, mi sono resa conto di quanta strada non abbiamo fatto noi donne. La buona notizia è che il coraggio si impara, e noi dobbiamo avere la forza di insegnarlo alle nostre figlie» ha affermato Meryl Streep.

Ma il problema, spesso, non è delle donne. «Finché ci saranno uomini incapaci di accettare un no come risposta, non ci sarà parità di genere. Mi auguro che il film aiuti le donne a trovare la loro voce, come ha fatto la protagonista nel lontano 1971» ha concluso Spielberg.

 

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.