Perché andare all’estero vi migliorerà la carriera: 3 grandi consigliano

0
1928
diego piacentini

Sempre più italiani decidono di andare oltreconfine per studiare o fare un anno sabbatico e chiarirsi così le idee sul proprio futuro.

Diego Piacentini, Luca Parmitano e Marco Balich raccontano come l’esperienza all’estero ha inciso sulle loro carriere.

Diego Piacentini, neocommissario del Governo per il digitale

«A 17 anni sono andato a Olympia, capitale dello stato di Washington. Quell’esperienza è stata un vero game changer, un’opportunità per uscire dai confini della piccola Italia e sentirmi parte di un mondo che, seppur non ancora globalizzato, era evidentemente diverso».

Marco Balich, direttore artistico e produttore cerimonie olimpiche

«Ho fatto il quarto anno di liceo a Chicago, nel 1979. È partita da lì la mia voglia di conoscere il mondo, la voracità di confronto, il desiderio di sperimentare. Ciò mi ha permesso di scoprire tutte le culture e di portare la loro bellezza nei miei spettacoli».

Luca Parmitano, astronauta

«Durante il quarto anno di liceo negli Usa, mi ospitava un militare in California, navigatore di F18, che mi portava a vedere le manifestazioni aeree. È stato l’inizio del mio percorso».

 

Tratto dall’articolo di Tiziana Tripepi “Come ti mando il figlio all’estero” pubblicato su Millionaire di gennaio 2017.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here