Viagra: storia di un fenomeno

3754

Scoperto per caso 10 anni fa, è diventato il farmaco più famoso al mondo. Gli italiani tra i maggiori consumatori

Da quando è arrivata in farmacia, la pillola blu ha cambiato la vita a 35 milioni di brizzolati. Non c’è dubbio che il farmaco della Pfizer abbia rivoluzionato la vita sessuale degli ultraquarantenni, salvato matrimoni in crisi, e fatto ringiovanire nonni pieni di spirito ma con i corpi cavernosi vuoti.

La data del compleanno si fa coincidere con il 27 marzo 1998, quando la Food and Drug Administration ne autorizzò la commercializzazione, ma le sue origini risalgono a otto anni prima, quando nei laboratori Pfizer di Sandwich in Inghilterra si stavano studiando gli effetti del sildenafil nel trattamento dell’angina pectoris. Questo principio attivo inibisce la 5-fosfodiesterasi, enzima presente nelle fibrocellule muscolari dei tessuti del sistema cardiovascolare e dei corpi cavernosi del pene, che provoca la dilatazione dei vasi sanguigni e favorisce l’afflusso di sangue. I ricercatori non ottennero risultati soddisfacenti a livello coronarico, ma constatarono come le cavie umane fossero soggette a facili erezioni. Diedero quindi una nuova direzione agli studi e scoprirono che il sildenafil citrato, usato sotto stretto controllo medico e nei casi indicati, era in grado di risolvere il 70-80% delle disfunzioni erettili. Cominciò così la fortuna di Viagra e della sua casa produttrice, che a cinque anni dal lancio vendeva già 875 milioni di pillole in tutto il mondo, oggi più che raddoppiate a quota 1,8 miliardi. Merito anche di testimonial di eccezione come il senatore Bob Dole e l’ex calciatore Pelé, protagonisti degli spot americani. Da quando è arrivata in farmacia, la pillola blu non ha mai smesso di far parlare di sé: per gli effetti collaterali nefasti, smentiti o ridimensionati da Pfizer a suon di studi clinici, per l’abuso fatto da sconsiderati che scambiavano il Viagra per un afrodisiaco lasciandoci le penne, per il proliferare della vendita on line, per tutte le imitazioni e le versioni al femminile che sono state annunciate. È entrato nei dizionari, nei libri, nei film, nelle barzellette, su Internet è stata la parola più cliccata da italiani, inglesi e tedeschi nel periodo 2004-2007. Oggi su Google escono oltre 3,2 milioni di risultati in italiano (battendo anche  “Silvio Berlusconi” che ne totalizza solo circa 2,4 milioni). Recentemente il medico di una squadra di calcio brasiliana ne ha testato gli effetti sul campo di gioco, verificando che aumenta le prestazioni dei giocatori, specie quando giocano in altura. Nel 2005 l’uso del sildenafil è stato approvato anche per il trattamento dell’ipertensione arteriosa polmonare e in Pfizer sono in corso altre indagini per verificarne l’efficacia in caso disturbi delle basse vie urinarie, disfunzioni sessuali femminili e persino il mal di montagna. Dunque in futuro potremo fare trekking con una tavoletta di Viagra in tasca, anziché con una di cioccolato.

magico blu

› 60 milioni di compresse vendute in 10 anni nel nostro Paese.

› Il Lazio è la regione italiana in cima alla classifica del consumo di Viagra.

› Al secondo posto la Toscana, che ha perso il primato, e l’Emilia-Romagna. Le città dove si registra il maggior consumo sono Pistoia, Roma e Rimini.

› Da una ricerca condotta su un campione di età compresa tra 18 e 74 anni risulta che Viagra è un nome noto al 92,8% degli intervistati… quasi più famoso dell’aspirina.

Info: www.viagra.com (in inglese).

Cristina Galullo, Millionaire 3/2009

Print Friendly, PDF & Email