CamMe: l’app per fare autoscatti è la migliore dell’anno

0
3859

È un’ossessione globale. Il “selfie”, cioè la mania di fare foto proprie con l’autoscatto del cellulare, ha catturato proprio tutti. Dagli adolescenti a personaggi dello spettacolo, fino agli uomini più potenti del pianeta: anche Obama ne va matto.

Per questo non sorprende che CamMe, una tecnologia che velocizza e facilità gli autoscatti, sia stata premiata come la migliore app dell’anno al Mobile World Congress, tra le più importanti fiere dedicate alla telefonia mobile.

slide_339311_3474367_free

Cosa ha di speciale? L’app consente di azionare la fotocamera dello smartphone a distanza con semplici gesti. Quindi, il maniaco del selfie non dovrà fare altro che posizionare lo smartphone su una superficie, mettersi in posa e muovere le mani. In questo modo attiverà un conto alla rovescia di tre secondi a cui seguirà lo scatto.

Qui il divertente video dimostrativo:

L’idea è di una società israeliana con sede a Tel Aviv, Point Grab, specializzata per l’appunto in software in grado di attivarsi riconoscendo i gesti dell’utente. Il fondatore è un piccolo genio dell’elettronica: si chiama Haim Perski e ha creato l’azienda nel 2008, dopo una precedente esperienza in una società che produce dispostivi touch screen.

L’app ha già un milione di utenti che ne fanno uso. Ha due versione una free e una “più professionale” a pagamento (0,99 centesimi).

prize

L’unica pecca: è disponibile solo per Ios. I maniaci del selfie Android dovranno per ora continuare a fare acrobazie per mostrare la loro faccia agli amici sui social.

INFO: http://bit.ly/1eJ3jS7

http://www.pointgrab.com/

 

Redazione

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.