fbpx

La pizzeria “impossibile” che regala pizze e aiuta i ragazzi a rischio

Finché c’è pizza c’è speranza, non è il titolo dell’ultima commedia di un regista napoletano, ma di un’iniziativa di solidarietà che vede protagonisti quindici ragazzi, alcuni provenienti da quartieri disagiati, altri “a rischio” segnalati dal Tribunale dei minori di Napoli.

Il progetto, organizzato dall’Associazione Scugnizzi con la partecipazione della catena di pizzerie Fratelli la Bufala, offre a questi giovani “difficili” un percorso di formazione di 200 ore al termine del quale diventeranno pizzaioli professionisti.

Per abituarli alla professione, gli enti organizzatori hanno messo su, nel cuore di Napoli (in via De Blasiis), la Pizzeria dell’Impossibile, un nome suggestivo per un luogo che diventa di alto valore sociale: qui i ragazzi lavoreranno per offrire pizze gratis alle famiglie con difficoltà economiche dell’area:

In questo modo permettiamo ai ragazzi di allontanarsi dalle sirene del guadagno facile della malavita, e di lavorare duramente, mettendo le loro abilità al servizio della comunità» spiega Antonio Franco, presidente dell’Associazione.

 Come nasce la Pizzeria dell’Impossibile?

In realtà, più che una pizzeria è una vera e propria scuola. Prendiamo ragazzi difficili che non sono ancora stati per fortuna “scottati” dalla vita, e li introduciamo in un percorso professionale e sociale. Per realizzare il progetto abbiamo richiesto una struttura al Comune. I Fratelli la Bufala hanno provveduto alla ristrutturazione dei locali».

Come è organizzata la formazione e il lavoro dei ragazzi?

Fino a mezzogiorno seguono corsi di pratica e di teoria, grazie alla collaborazione di pizzaioli professionisti e di laureati in Agraria. Poi da mezzogiorno fino alle tre, lavorano al servizio della comunità, preparando le pizze che vengono offerte ai bisognosi. Al termine del percorso i più bravi saranno assunti in uno dei 100 locali della catena La Bufala, sparsi nel mondo».

Avete anche avviato una scuola di pizzeria all’interno carcere di Nisida. Da quanto tempo è attiva e cosa fa?

Il progetto Finché c’è Pizza c’è speranza nasce tre anni fa all’interno del carcere minorile. Da allora è attiva una scuola per pizzaioli che forma i ragazzi e offre ad alcuni di loro la possibilità di un riscatto sociale. Daniele, per esempio, fino al 2012 stava scontando lì la sua pena. Oggi lavora a Malta in uno dei punti vendita La Bufala. Stesso discorso per un altro dei nostri ragazzi che attualmente è impiegato a Napoli in un altro ristorante della catena. La Pizzeria dell’impossibile estende questo progetto e lo porta all’esterno del carcere. Con l’obiettivo di aiutare i ragazzi prima che commettano reati».

 INFO: http://bit.ly/12B8cIs

 Giancarlo Donadio

Le 10 startup italiane per la space economy

La Città della Scienza di Napoli insieme a Intesa San Paolo hanno presentato durante il Demo Day di Up2Stars il programma di valorizzazione  delle giovani

Napoli: Capitale dell’innovazione grazie a Smau

La Campania dell’innovazione accelera la crescita delle sue startup innovative.   Prossimo appuntamento Smau Napoli: evento di riferimento sui temi dell’innovazione che farà da cornice

La pizza napoletana come Dio comanda!

Da patrimonio Unesco al Regolamento di Esecuzione. Arrivano le regole per la vera pizza napoletana.   Era il 7 dicembre 2017 quando l’abilità del pizzaiolo

legolize

Legolize arriva a casa tua!

Se non ci sarai, il tour andrà avanti anche senza di te…   Legolize è la più grande community di vignette umoristiche con i LEGO.

Southworking

Southworking per lo sviluppo del Meridione

Report di Randstad e Fondazione per la Sussidiarietà: due aziende su tre sono disposte a investire nel sud Italia Il southworking non è più un

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.