Lavoro digitale: progetto europeo per 6000 tirocini formativi

0
5148
imprenditore al lavoro

Al Digital Day 2017 la Commissione europea ha annunciato un progetto pilota per fornire competenze tecnologiche e digitali a migliaia di laureati entro il 2020.

La tecnologia avanza. Cambia il mondo del lavoro, emergono nuove figure professionali, ma non tutti in Europa sembrano pronti al cambiamento. Secondo i dati dell’Unione Europea, solo il 3,6% dei lavoratori ha una specializzazione in materia e appena un cittadino su due (56%) ha competenze digitali di base. Eppure, entro il 2020, ci saranno da 500mila a 700mila posti di lavoro in più nel settore. E già adesso, nonostante gli elevati livelli di disoccupazione giovanile, ci sono due milioni di posti disponibili. Questo perché in molti Paesi non c’è corrispondenza tra le competenze dei candidati e le esigenze del mercato del lavoro.

Il lavoro digitale è uno dei temi affrontati al Digital Day 2017 del 23 marzo, a Roma. L’evento è stato organizzato dalla Commissione europea e dal governo italiano in occasione del 60° anniversario dei Trattati di Roma. Obiettivo: prendere impegni condivisi e concreti per un’Europa più moderna.

Tra i provvedimenti, la Commissione ha annunciato un progetto pilota per fornire competenze tecnologiche e digitali a 5000-6000 laureati tra il 2018 e il 2020. Saranno organizzati tirocini pagati di 4-5 mesi aperti agli studenti di tutte le facoltà universitarie. I tirocinanti riceveranno uno stipendio di circa 500 euro al mese.

Gli stage si concentreranno su competenze “deep tech”, come cybersecurity, big data, intelligenza artificiale o quantistica, e generiche, come web design, digital marketing, sviluppo software, coding e graphic design.

I dettagli su come studenti e imprese potranno aderire al progetto saranno comunicati nelle prossime settimane. Se il progetto pilota avrà successo, la Commissione lo svilupperà ulteriormente.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here