Lavoro: ecco 5 consigli per farsi assumere

4420

Come emergere dalla massa dei candidati in cerca di un posto di lavoro? Lo spiega Vito Gioia, presidente di Amrop, società di selezione del personale e autore del libro Sostenere con successo un colloquio di lavoro (Giunti, 10 euro).

1. Non stare zitto, pensa a voce alta

“Perché dovremmo scegliere proprio lei? Litiga spesso con i suoi colleghi? Quante palline di ping pong possono essere contenute in un autobus?”. Sono tante le domande fatte per mettere in contropiede chi è alla ricerca di lavoro. L’importante è di non affrontarle con una pausa di silenzio. Meglio argomentare la risposta a voce alta: “Es. più o meno il raggio di una pallina da ping pong è di 2 cm, quindi ogni pallina occupa uno spazio di…”. Questo tipo di risposte evidenziano la volontà di affrontare l’imprevisto e la capacità di lavorare sotto stress.

2. Gesticola, ma non troppo

«Gesticolare indica partecipazione, coinvolgimento. Attenzione, però: può anche significare ansia, perdita di controllo. Chi invece sta seduto inclinato e si tocca spesso i capelli sta esprimendo una volontà di valorizzarsi e un atteggiamento di seduzione. Aggrapparsi alla sedia indica ansia, timore della critica» avverte Gioia.

shutterstock_90370741

3. Impara a menadito il tuo cv

In che anno è stato frequentato il corso di inglese? Con quale votazione si è superato l’esame? Qual è stato il maggiore risultato raggiunto in quell’azienda? Rivelare esitazione a domande approfondite sul cv dà un’impressione di scarsa sincerità.

4. So tutto di lei

“Quale potrebbe essere il vantaggio competitivo che il suo lavoro può portare all’azienda? è una domanda frerquente. Chi non conosce la situazione dell’impresa che, in teoria, dovrebbe essere quella in cui desidera lavorare, pecca subito di trascuratezza. Meglio informarsi, se possibile, sulla storia professionale del selezionatore: social network come LinkedIn ed Experteer sono una vera miniera.  «Attenzione però: i dettagli vanno menzionati solo se emergono nel croso del colloquio, altrimenti sono opportuni».

5. Sport e volontariato

Uno sportivo è una persona che mira alla vincita e sa comportarsi in un team, mentre i progetti diversi da quelli professionali dimostrano la volontà di usare il tempo libero per migliorare se stessi. «Far parte di un’associazione, essere attivi nel settore no profit, pratica uno sport: sono tutti dettagli che contribuiscono a far emergere un candidato dalla massa» conclude Gioia.

shutterstock_29368549

Vuoi saperne di più? Leggi l’articolo di Maria Spezia pubblicato su Millionaire di aprile 2014.

Redazione

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteEcco #ITALIACHERIPARTE
Prossimo articoloCome creare una seconda vita: 3 storie di una #Italiacheriparte

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.