Mollo tutto e inseguo il mio sogno

2571

Michele Bagnoli pensava che la sua vita non avesse molto senso. Che fino ad allora non avesse vissuto realmente come desiderava. «Perché allora non inseguire il suo sogno? Perché non mollare tutto ed iniziare a scrivere come desiderava da bambino?».

Siamo andati ad intervistarlo per conoscere la sua storia.

Alla fine dell’articolo  troverai  il video che abbiamo realizzato ispirati dalle sue parole.

Ci racconti come è iniziata la sua attività? [blockquote align=”center” variation=”red”]L’inizio della mia attività di scrittore è stata molto semplice. Confrontando la mia adolescenza con quella dei miei coetanei mi sono reso conto che fino ad allora non avevo vissuto come desideravo, anzi le confesso che ad un certo punto non credevo che la mia vita avesse molto senso. Mi sentivo solo e inutile. Ho deciso che non volevo assolutamente sprecare altro tempo e non volevo che il mio potenziale andasse sprecato.
Allora ho deciso di far conoscere agli altri le mie esperienze e informarli del modo in cui le ho superate. Volevo fare qualcosa per gli altri, questo mi rendeva felice. Avevo tutto ciò che mi serviva: delle esperienze da raccontare e un computer per poterle comunicare.[/blockquote] Quale motivazione o passione l’ha spinta a mettersi in proprio? Il confronto con i miei familiari perché non approvavano affatto la mia scelta di lasciare il lavoro per iniziare a scrivere libri. Loro hanno sempre vissuto nell’idea che bisogna avere un posto di lavoro fisso e aspettare lo stipendio alla fine del mese. L’impresa più ardua è stata convincerli che i tempi stanno cambiando, il posto fisso è sempre meno sicuro e ci sono anche altri modi per guadagnare e per trovare soddisfazione. La loro risposta era che potevo sempre scrivere libri nel tempo libero, ma so che non sarebbe stata la stessa cosa che farlo a tempo pieno dedicandoci anima e corpo. I risultati sarebbero stati diversi. Com’era la sua vita prima di questa svolta? E come si è trasformata ora? [blockquote align=”center” variation=”red”]Come le ho già accennato, nella mia vita c’è stato un periodo molto buio dove sembrava che nulla avesse senso. Sentivo di non avere nulla da dare, di non avere valore, non piacevo a nessuno e soprattutto non piacevo a me stesso.

Adesso ci sono un sacco di persone che mi scrivono per dirmi che la mia storia le ha ispirate e che i miei libri stanno cambiando loro la vita. Mi scrivono per chiedermi consigli, per ringraziarmi del mio lavoro o per suggerirmi nuovi lavori di cui vorrebbero sentire la mia opinione. La svolta nella mia vita è stata radicale, prima nessuno mi voleva, ora le persone mi cercano perché si sentono ispirate dal mio lavoro e dalla mia vita.[/blockquote]  Guarda il video:

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=bRytHzuSChU&w=560&h=315]

Intervista a cura di Giancarlo Donadio e Giusy Ocello

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente18 dritte per mettersi in moto e fare impresa
Prossimo articoloIl preservativo da mettere al volo

2 Commenti

  1. «Mollo tutto per il mio sogno» | Millionaire web…

    Michele Bagnoli pensava che la sua vita non avesse molto senso. Che fino ad allora non avesse vissuto realmente come desiderava. «Perché allora non inseguire il suo sogno? Perché non mollare tutto ed iniziare a scrivere come desiderava da bambino?». Si…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.