Post su Facebook: basta mezz’ora per capire se funziona

2
1872

Cosa sei capace di fare in mezz’ora?

Lavarti i capelli? Forse, se non hai la stessa chioma di Raperonzolo. Completare un pasto veloce? O portare fuori il cane per i suoi bisogni?

In mezz’ora, te ne renderai conto, si possono fare molte cose, tra queste, capire la sorte di un tuo post su Facebook.

Ti sembra poco? Leggi i dati di questa ricerca e ti renderai conto che non è così.

Un post che dura mezz’ora

Socialbakers, la società di ricerca che si occupa di analizzare il traffico dati sui Social Network, ha pubblicato dei risultati interessanti, inerenti alla vita di un post su Facebook.

Da un’analisi effettuata sui post di alcuni brand pubblicati il 31 ottobre scorso, risulta che metà delle interazioni con il pubblico si sviluppano  nei primi 30 minuti dalla sua pubblicazione.

Monitorando i primi 30 minuti di vita del tuo post quindi, puoi riuscire a capire se ciò che hai pubblicato è stato apprezzato o meno dal tuo pubblico di fan.

Vogliamo essere più precisi:

[styled_list style=”check_list” variation=”teal”]

  • 1/3 della portata del post si ottiene nei primi 10 minuti dalla pubblicazione;
  • nella prima mezz’ora, hai la metà delle interazioni che puoi ottenere. L’altra metà, si svilupperà nelle successive 7 ore della giornata.[/styled_list]

Facendo un rapido calcolo, dopo i primi 10 minuti, quando i post hanno già ottenuto 1/3 della loro massima interazione, si inizia a registrare un calo netto delle visite. Tra gli 11-20 minuti dopo la pubblicazione, il post sarà visto dal 13.2% del pubblico totale, per scendere ulteriormente a raggiungere solo il 4,7% nei restanti 10 minuti.

Dopo un’ora e mezza, il post raggiungerà solo il 2% delle persone presenti sulla pagina.

Tutto questo dimostra come sia estremamente importante progettare un post su Facebook. Di sicuro, uno studio sulle tue interazioni di pagina ti potrà aiutare a capire cosa può andare o meno nella tua strategia di Social Media Marketing.

Analizza i tuoi dati

Secondo i dati analizzati, se un post è andato male nella sua prima mezz’ora di vita, a meno che non si verifichino episodi eccezionali che riportino il livello di interazione a uno standard alto, è difficile che recuperi nel corso della giornata.

Se ti trovi in questa situazione, inizia a porti delle domande su quali errori hai commesso nel post che hai inserito sulla tua pagina Facebook. Una foto poco accattivante? L’assenza di una chiamata all’azione? Un messaggio troppo complicato?

Per approfondire l’argomento e capire che tipo di linguaggio utilizzare quando ti rivolgi ai tuoi fan, puoi leggere l’articolo del nostro esperto Alessandro Sportelli: “Cronaca di un post che funziona”.

Fai attenzione però a un’altra questione delicata: gli orari in cui hai deciso di postare i tuoi messaggi.

Secondo un’altra ricerca pubblicata da Buddy Media, il software che aiuta le imprese a monitorare l’andamento delle loro campagne social, i giorni migliori nei quali postare sono mercoledì e giovedì.

La ricerca non si ferma qui e punta a differenziare, in base al settore di mercato occupato dall’azienda, orari e giorni nei quali postare i propri contenuti su Facebook.

Ad esempio, per chi si occupa di moda e abbigliamento, il giorno più indicato è il giovedì. Benessere e bellezza, invece, registrano una più alta interazione di domenica e lunedì.

Se vuoi scaricare il documento, clicca qui.

Non farti ingannare dai numeri

Una buona campagna di marketing sui Social è ottenuta essenzialmente attraverso un’analisi attenta delle abitudini e dei gusti della tua audience. Non aver paura a sperimentare.

Quando lo fai, però, parti da un presupposto molto importante: avere molti “like” sulla tua pagina Facebook non significa che tutte le persone che hanno deciso di seguirti reagiranno ai tuoi post.

In media, infatti, solo il 6% dei tuoi fan interagiscono con il brand. Secondo quanto riportato da Mashable inoltre, non puoi nemmeno puntare tutto sul tuo superfan, perché questo produrrà al massimo 10 like ai tuoi post al mese, 5 condivisioni e 1 solo commento.

Ovviamente, questi dati sono opinabili in base alle esperienze e dal tipo di interazioni che ognuno attua sulla propria pagina Facebook.

Ricorda: è essenziale monitorare l’andamento dei tuoi post e il comportamento dei tuoi consumatori. La prima mezz’ora è importantissima per capire cosa piace o meno a chi ti segue: sfruttala al meglio e segna su un taccuino tutte le informazioni importanti che riuscirai a trarre da questa analisi. Saranno essenziali per la tua strategia di promozione sui Social.

 

Cosa pensi dei dati di queste ricerche? Sono confermati dalla tua esperienza? Scrivici i tuoi commenti e i tuoi suggerimenti per un’ottimale strategia di marketing sui Social.

Giuseppina Ocello

(Fonte Foto: Utente Flickr Dkalo)

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

  1. Post su Facebook: funziona?| Millionaire web…

    Cosa sei capace di fare in mezz’ora? Lavarti i capelli? Forse, se non hai la stessa chioma di Raperonzolo. Completare un pasto veloce? O portare fuori il cane per i suoi bisogni? In mezz’ora, te ne renderai conto, si possono fare molte cose, tra queste…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.