Rivoluzione digitale: ecco le skill per non essere tagliati fuori

0
6350
imprenditore al lavoro

Scrittura, grafica e blogging. Ma anche voiceover e App development. Ecco le skill per competere. Perché riconvertirsi si può.

«In Europa, il 40% della forza lavoro non ha sufficienti competenze digitali e il 14% ne è totalmente sprovvisto. Peccato, perché questo fa perdere delle grandi occasioni. L’Ue stima che entro il 2020, 900mila posti di lavoro saranno vacanti in Europa proprio per la carenza di competenze digitali» afferma Fabio Vaccarono, managing director di Google in Italia. Oggi la grande sfida è quella della riconversione delle proprie competenze personali. «Bisogna cavalcare l’onda di Internet, senza esserne travolti. Internet non riguarda un singolo settore o prodotto, ma è pervasivo. Tutti possono beneficiare delle nuove strategie digitali per far decollare la propria attività».

Negli ultimi 20 anni, gli utenti Internet sono passati da 300mila a 3 miliardi. E le competenze digitali sono ormai diventate fondamentali per tutti. Dal professionista che archivia sui Cloud all’artigiano che si promuove online, dall’artista che usa Photoshop allo startupper che punta sulle App. Ecco un elenco (indicativo) delle nuove skill per navigare felici. O almeno rimanere a galla.

1. Impara a scrivere per il web

Siti, pagine aziendali, community, forum: milioni di pagine piene di contenuti. E un numero vastissimo e in continua crescita di potenziali datori di lavoro: imprenditori, professionisti, artigiani che desiderano comunicare online, ma non sono capaci (perché fanno un altro mestiere). La scrittura online deve rispettare le regole della scrittura in generale (grammatica, sintassi, ortografia), deve avere il guizzo e l’attrattività della scrittura creativa (stile, personalità) e deve anche rispettare le regole della Seo (per essere premiata dai motori di ricerca) e della leggibilità (frasi brevi, tanti bold…).

2. Graphic design

Così come la scrittura per il Web, anche il graphic design è una delle competenze per cui c’è una forte domanda, in costante ascesa. Agenzie di comunicazione, blog, giornali, riviste, aziende e privati sono alla ricerca di professionisti competenti e di talento in grado di realizzare soluzioni grafi che di successo per il Web (nel minor tempo possibile).

3. Competenza blogging

Tecnologia, cucina, design, moda viaggi, finanza… Si parte da una competenza e/o passione, si scrivono post e si conquistano lettori e… inserzionisti! I contenuti devono essere interessanti, utili, ben impaginati, con belle foto, aggiornati e di attualità.

4. Social media marketing

Se per le aziende il sito è una vetrina, i social media sono uno strumento di comunicazione e interattività. Scrivere in modo efficace per i social richiede competenze ad hoc, che cambiano fra un social e l’altro.

5. Aspetti tecnici

Il dietro le quinte, l’ingegneria e gli aspetti tecnici dei siti sono sempre più importanti. Ecco perché aumenta la richiesta di personale specializzato. Per i migliori, ottimi compensi lavorando anche poche ore al giorno.

6. Speakeraggio

Hai una perfetta dizione, una bella voce e la capacità di trasmettere emozioni anche solo grazie alle tue corde vocali? Sul Web aumenta il numero di video, spot, filmati aziendali che necessitano di una voiceover, cioè di una voce fuori campo. Da qui l’opportunità di trovare lavoro come speaker.

7. Impara le lingue e traduci

Se sai leggere, scrivere e parlare più di una lingua, il campo delle traduzioni potrebbe fare al caso tuo. Il Web e la necessità di creare siti e contenuti in più lingue, è un continuo bacino di opportunità. Le competenze linguistiche, abbinate alla flessibilità e alle capacità di networking, possono dare buone soddisfazioni lavorative ed economiche.

8. Sviluppo di app

Anche se per la prima volta il mercato delle App rallenta (in calo del 20% i download), il comparto resta di grandissimo interesse. Sempre più aziende consolidano la propria presenza anche grazie a un’App dedicata. Da qui la costante richiesta di professionisti del settore.

9. Selezione del personale

E chi le seleziona, per le aziende, tutte le figure fin qui elencate? A fianco degli headhunter di esperienza, che possono non avere il polso delle nuove professioni, c’è posto per i giovani, che sono maggiormente in grado di valutare le skill oggi necessari per emergere.

Lucia Ingrosso

 

Questo è un estratto dell’articolo di Lucia Ingrosso “Rivoluzione digitale: come non essere tagliati fuori” pubblicato su Millionaire di novembre 2016.  

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.