Amazon apre nuovi depositi in Italia e aumenta gli stipendi

1
11163
Amazon milano
La sede Amazon di Milano

Il colosso dell’e-commerce di Seattle continua a crescere anche in Italia. Nel 2019, Amazon ha creato oltre 1400 nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato, superando il piano di assunzioni dello scorso luglio. Oggi ha annunciato l’apertura di due nuovi depositi di smistamento in Puglia e Abruzzo, a Bitonto (provincia di Bari) e San Giovanni Teatino (Chieti). E, dal 2020, Amazon Italia aumenterà il salario di ingresso per i nuovi addetti al magazzino, da 1440 a 1540 euro: 100 euro lordi in più al mese. Era già successo negli Stati Uniti e nel Regno Unito che la società di e-commerce aumentasse gli stipendi.

Dal 2010 ad oggi Amazon ha assunto quasi 7000 persone a tempo indeterminato in Italia. Gli occupati sono cresciuti di oltre il 25% nel 2019. L’azienda ha investito oltre 4 miliardi di euro, fino al 2018, generando un indotto di oltre 30mila posti di lavoro nei settori edilizia, logistica e delle pmi che vendono online. La maggior parte degli investimenti ha avuto impatto, anche in termini occupazionali, in cinque regioni: Emilia Romagna, dove Amazon ha aperto il suo primo centro di distribuzione a Castel San Giovanni nel 2011, Lombardia, Piemonte, Lazio e Sardegna.

In una nota, l’azienda di e-commerce sottolinea che i dipendenti Amazon ricevono “un pacchetto completo di benefit, compresa l’assicurazione sulla vita, sugli infortuni e sconti per acquisti su Amazon”. I lavoratori hanno anche accesso al programma Career Choice che offre borse di studio fino al 95% per corsi di formazione scelti dal personale, per quattro anni, fino a un massimo di 8.000 euro. Amazon è uno dei “Datori di lavoro più attrattivi” in Italia, secondo le classifiche di Universum (al 4° posto per gli studenti del settore business, al 6° posto per gli studenti di ingegneria).

Print Friendly, PDF & Email

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.