Così i nuovi imprenditori innovano il made in Italy con la tecnologia

0
1222
Foto di G. Cennamo - Giovanni Marinaccio

C’è chi vende il gelato online oltreoceano, chi ha rinnovato l’azienda di famiglia di ricambi auto, grazie all’e-commerce, e chi ha puntato tutto sul passaparola ma virtuale. Ecco le storie di giovani imprenditori, artigiani e contadini digitali che innovano mercati e mestieri tradizionali grazie alla tecnologia. Racconteranno le loro imprese al (RE)made in Italy, un tour dedicato al made in Italy 2.0 che parte oggi da Napoli. In diretta su Facebook dalle 17.20. L’iniziativa è promossa dalla community Wwworkers.it con il sostegno di Google, eBay e Edison. Insieme ai giovani imprenditori digitali ci saranno anche il managing director Apple Academy Simon Pietro Romano, il fondatore di Wwworkers Giampaolo Colletti e il fondatore di NaStartup Antonio Prigiobbo.

(RE)made in Italy Napoli

Parte da Napoli il tour (RE)made in Italy. Per raccontare il lavoro che nasce dalla tradizione e si ibrida con le nuove tecnologie.

Pubblicato da I nuovi lavoratori italiani della rete su Martedì 10 luglio 2018

Le storie

You Dream Italy (Napoli)

Nel 2011 Maria Gabriella Russo, dopo 10 anni come impiegata e la nascita del primo figlio, ha creato con il marito You Dream Italy, un negozio online di prodotti alimentari campani di alta qualità. Un’impresa nata da un piccolo magazzino di Napoli che oggi esporta all’estero, soprattutto in Europa e Stati Uniti.

Ela Siromascenko (Napoli)

È arrivata a Milano nel 2011 dalla Romania per un dottorato in comunicazione. Coltivando la passione per la sartoria, ha capito che la moda sarebbe stata la sua strada. Così ha iniziato a vendere online abiti da cerimonia vintage. Si è trasferita a Napoli dove oggi disegna i suoi capi che presto raggiungeranno il Sud-est asiatico.

Ricambi Auto SMC (Oliveto Citra, Salerno)

Stefano Calzaretta, trentenne laureato in ingegneria dell’automazione, ha ripensato l’azienda di famiglia partendo dall’e-commerce, in un mercato tradizionale come quello dei ricambi d’auto. Il fatturato è cresciuto di 20 volte e i dipendenti sono passati da 4 a 30.

Buzzoole (Napoli)

Una piattaforma che aiuta piccole imprese e grandi brand a migliorare la loro presenza sui social, mettendole in contatto con gli influencer, che partecipano a campagne di passaparola (buzz) online in cambio di offerte speciali, sconti e buoni. Nata nel 2013, oggi a sedi anche nel Regno Unito e a New York.

Biancamore (Paestum, Salerno)

Due fratelli, Daniela e Pasquale Senatore, dopo esperienze manageriali, anche all’estero, hanno deciso di tornare nella loro terra per reinventare l’impresa di famiglia. Così in un’azienda agricola con annesso caseificio nascono i prodotti di bellezza naturale a base di latte di bufala Biancamore.

Pandora Group (Napoli)

Una startup innovativa che trasforma i rifiuti in risorse. La maggior parte della plastica non può essere riciclata. Così Alessia Guarnaccia, architetto di Napoli specializzata in tecnica delle costruzioni, l’ha studiata e rimodellata fino a ideare un pannello per l’edilizia con una struttura a sandwich utilizzabile per la costruzione di aerei, treni, navi e case.

Gelateria Matteo (Lancusi, Salerno)

Imprenditore, gelatiere, informatico e globetrotter, Paolo Santoprete è a capo dell’Antica Gelateria Matteo, un’azienda artigianale giunta alla terza generazione. La sua frutta ripiena di gelato arriva da Lancusi, nella provincia di Salerno, fino a oltreoceano grazie al ghiaccio secco e all’e-commerce.

Capri Moonlight (Capri e Napoli)

Partendo da una delle ultime aziende agricole vinicole dell’isola, Alberto Celentano ha creato Capri Moonlight. I vini della tradizione campana viaggiano online grazie all’ecommerce.

Serrocroce (Monteverde, Avellino)

Da uno storico birrificio di famiglia nasce un jeans impagliato e sostenibile. La birra di Vito Pagnotta vola da Monteverde anche in Giappone grazie all’e-commerce. E con l’amico sarto Salvatore Caruso, Vito sta producendo il primo jeans invecchiato nella paglia. Un prodotto totalmente green, realizzato senza spreco di acqua e senza lavaggi.

iPins (Napoli)

Da un’idea di Adriano Giordano è nata iPins. Realizza spillette in latta con disegni originali che arricchiscono la iPinsCover™, una cover per iPhone nata per dare vita alla propria tavolozza di colori.

Sintesi Sud (Ariano Irpino, Avellino)

Da operaio a imprenditore, Giovanni Marinaccio (nella foto in alto) ha seguito tutto il percorso di gavetta prima di arrivare a fondare con Angelo Salamini Sintesi Sud, specializzata nella vendita di scanner e stampanti 3D.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.